CHI SIAMO

Associazione Culturale Kairós


L'Associazione Culturale Kairòs nasce il 12 Novembre 2004 con lo scopo di accrescere e sviluppare le potenzialitá dell'individuo attraverso svariate attivitá culturali con particolare attenzione all'ambito storico ed artistico.

A tal fine l'Associazione Culturale Kairós promuove ed organizza visite guidate, viaggi ed escursioni, iniziative per le scuole, eventi, corsi di aggiornamento e formazione.



Kairós


In Omero Kairós era il "punto giusto" per una ferita mortale. Successivamente assunse una sfumatura morale. Era noto il motto "conosci il Kairós" come invito ad identificare il "momento adatto" per ogni cosa.

Per Platone indica la moderazione, ció che é equilibrato ed opportuno, la giusta distribuzione degli opposti nel corpo sano.

Da concetto astratto passó ad essere personificato come una divinitá di cui si ammiravano potenza, misura, armonia, simmetria e grazia. Lisippo di Sicione (scultore greco del IV sec. a.C.) realizzó un'opera che lo rappresentava, da molti ritenuta la sua opera migliore.

Kairós era rappresentato come un ragazzo alato, in atto di posarsi col piede sinistro su una sfera e il braccio reggeva un rasoio sul quale oscillava la bilancia. La mano destra toccava delicatamente il piattello della bilancia, la contrazione della muscolatura addominale rivelava la fine della fase di inspirazione, l'istante di passaggio al movimento inverso. Tratteneva il respiro per esercitare la massima forza e concentrazione negli arti, mantenendo un equilibrio altrimenti insostenibile, prima di ripartire in volo.

Il retore Callistrato ce ne ha lasciato la descrizione pių incantata "... stava lė bene impostato, puntato su un piede, e cosí proteso mostrava di darsi uno slancio; e ingannava lo sguardo, come fosse stato capace di balzare avanti: tanto più che l'artista gli aveva dato facoltà di fendere l'aria con le ali. Tanta era la nostra ammirazione quando un esperto nel campo dell'arte (...) aggiunse alla contemplazione un preciso ragionamento.

Ci spiegó come i poteri del Kairós fossero espressi dall'opera: le piume ai piedi alludono alla velocitá, al fatto che volgendo lungo il corso del tempo Kairós viene portato in volo dalle stagioni; la giovinezza fiorente allude all'essere opportuna ogni cosa bella e all'essere Kairós unico creatore di bellezza, mentre ogni cosa sfiorita è fuori dalla sua natura; la chioma che scende sulla fronte richiama il fatto che è più facile acciuffarlo quando si avvicina, ma una volta che egli ci abbia sorpassato, il momento opportuno per l'azione se ne va con lui, e non è più possibile riprendere il Kairós, se ce lo lasciamo sfuggire".